TechBlogSD - Tutto per WordPress e sviluppo WEB
Istruzioni WEB e WordPress, notizie, recensioni di temi e plugin

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

4

L’ottimizzazione per i motori di ricerca è un’arte per rendere il tuo sito amichevole per i motori di ricerca al fine di attirare più visitatori dai risultati di ricerca organici. Sebbene tu possa utilizzare la pubblicità a pagamento per indirizzare il traffico, ti costerà molto. Non puoi pagare continuamente un importo forfettario per la pubblicità per tutta la durata del tuo sito. Soprattutto se stai partecipando a programmi per editori come Google AdSensequindi il traffico organico è il più preferito dagli inserzionisti. Google è la principale fonte di traffico per un sito in lingua inglese e genera oltre il 90% delle visite. Il restante 10% del traffico avviene attraverso i social media, i referral e le persone che accedono direttamente al sito. Sfortunatamente per un nuovo sito, ottenere il primo posto su Google richiede molto più tempo di quanto tu possa immaginare e qui ci sono 10 consigli SEO semplici e comprovati per posizionarti in alto su Google e altri motori di ricerca.

10 consigli SEO comprovati

  1. Scegliere la nicchia corretta
  2. Esegui l’analisi delle parole chiave
  3. migliorare il marchio
  4. Usa il titolo della pagina e la meta descrizione
  5. Fornisci testo alternativo per le immagini
  6. Struttura i tuoi contenuti
  7. Ottieni backlink naturali
  8. Buon sito mobile
  9. Invia mappa del sito
  10. Monitorare e intraprendere azioni correttive

1 Scegliere la nicchia corretta

Molte volte è stata confusione per tutti noi concentrarci e girare intorno allo stesso argomento. Quindi quello che facciamo è scrivere articoli casuali da una nicchia diversa per colmare il divario di contenuto. Ciò funzionerà per i siti molto popolari come i siti Web di notizie e ha senso che il sito di notizie copra argomenti più ampi.

Ma per un singolo proprietario di un sito, si consiglia vivamente di scegliere una nicchia della propria forza e iniziare a scrivere articoli incentrati su quella nicchia. Ad esempio, puoi pianificare di avviare un sito Web di tutorial di WordPress tenendo presente la monetizzazione online. In tal caso puoi scrivere milioni di articoli che ruotano attorno all’hosting, al tema, all’installazione, ai plug-in, ecc. di WordPress. Questo aiuterà Google a capire che il tuo nome di dominio è collegato alla parola chiave principale "WordPress". Nel corso del tempo puoi notare che il tuo sito andrà bene su Google per le parole chiave relative a WordPress.

Se stai già gestendo un sito, controlla la densità di parole chiave dell’intero sito. Puoi farlo facilmente in Google Search Console o utilizzando altri servizi di terze parti. Se le prime tre parole chiave non sono le parole chiave principali, sicuramente stai andando nella direzione sbagliata. O puoi riorganizzare il contenuto per aumentare la forza della tua parola chiave o puoi semplicemente cambiare il focus sulla parola chiave per la quale il tuo sito è già popolare.

2 Analisi delle parole chiave

Mentre la nicchia è a livello dell’intero sito, le parole chiave sono specifiche per ogni articolo. Continuando l’esempio precedente di creazione di un sito tutorial di WordPress, puoi scrivere diversi articoli incentrati sul tema WordPress, sui plug-in di WordPress o sull’hosting di WordPress. La prima parte dell’analisi delle parole chiave consiste nello scegliere quali di queste parole chiave vengono cercate di più su Google. Ha più senso scrivere un articolo su più parole chiave ricercate per raggiungere più pubblico. Se stai prendendo di mira le entrate pubblicitarie, puoi concentrarti sulle parole chiave più remunerative.

Una volta che hai in mente le parole chiave, la seconda parte dell’analisi delle parole chiave è garantire la densità delle parole chiave nell’articolo. Questo ti aiuterà a evitare il riempimento di parole chiave nell’articolo. Quando parli di hosting, assicurati che l’articolo abbia una densità di parole chiave appropriata per "Hosting WordPress".

I sistemi di gestione dei contenuti come WordPress hanno plugin come Yoast SEO per mostrare la densità delle parole chiave quando scrivi un articolo nell’editor. Questo ti aiuta a correggere e regolare la densità per renderla entro il livello accettabile per Google.

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

Analisi della pagina SEO di WordPress con il plugin Yoast

Se non utilizzi WordPress, utilizza strumenti di terze parti per controllare e regolare manualmente la densità delle parole chiave.

3 Migliora il tuo marchio

È una buona idea scegliere lo stesso nome di dominio del tuo sito web e il nome del tuo marchio. Aiuta le persone a ricordare il nome e a fare riferimento ad altri rapidamente. I risultati di ricerca di Google possono essere uno strumento facile per migliorare il tuo marchio. Il titolo del sito apparirà accanto al titolo della pagina nei risultati di ricerca di Google. Quindi aggiungere il nome del tuo marchio come titolo del sito lo aiuterà a comparire su ogni risultato di ricerca.

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

Visualizzazione meta descrizione in Ricerca Google

Ricorda che Google può mettere in relazione il tuo marchio con la nicchia del tuo sito. Ad esempio, quando si cerca "Weebly" è facile per Google mostrare i risultati relativi alla costruzione del sito.

L’altro modo per migliorare il marchio e aumentare il traffico è creare profili social. Anche i collegamenti social verranno mostrati nei risultati di ricerca, contribuendo così ad ottenere più pubblico per i tuoi contenuti.

Titolo della pagina di 4 e meta descrizione

I risultati di ricerca di Google mostrano il titolo della pagina e la meta descrizione di ogni pagina del tuo sito. Di seguito sono riportate alcune delle linee guida per mantenere un titolo e una descrizione efficaci:

  • Mantieni la lunghezza del titolo entro 60 – 70 caratteri e la lunghezza della meta descrizione entro 140 – 150 caratteri. In caso contrario Google terminerà la parte restante rendendola non così efficace.
  • Avere un titolo e una descrizione unici e descrittivi per ogni singola pagina del tuo sito. Puoi controllare il problema del duplicato in Google Search Console e intraprendere un’azione correttiva.
  • Assicurati che le parole chiave facciano parte del titolo e della meta descrizione.
  • Assicurati che il contenuto sia correlato al titolo e alla meta descrizione. Google tratterà il tuo sito come spam quando il contenuto non ha alcuna relazione con il titolo e la descrizione della tua pagina.

5 testi alternativi per le immagini

L’uso delle immagini è uno dei modi più semplici per trasmettere il tuo messaggio in modo semplice. Sfortunatamente i bot dei motori di ricerca non possono capire il significato delle tue immagini e cercheranno un testo alternativo equivalente. L’attributo "ALT" nel tag dell’immagine HTML informa l’equivalente testuale di un’immagine ai bot dei motori di ricerca. Quindi mantieni il testo alternativo per ogni immagine sul tuo sito per assicurarti che Google possa capire il contenuto. Di seguito sono riportate alcune linee guida per mantenere un testo alternativo efficace per le tue immagini:

  • Avere un testo alternativo descrittivo e significativo. Il testo alternativo viene mostrato anche sul browser quando l’immagine non può essere visualizzata e letta dal software di lettura cieca.
  • Non utilizzare "immagine", "immagine" o qualsiasi testo privo di significato per descrivere le immagini.
  • Usa un testo alternativo univoco per ogni immagine sul tuo sito.

Ogni immagine su una pagina invierà una richiesta HTTP separata al tuo server e aumenterà il tempo di caricamento della pagina. Quindi usa le immagini solo quando richiesto con la dimensione corretta in modo che sia visualizzabile su tutti i dispositivi.

6 Strutturare i contenuti

Come ti sentiresti se il giornale che leggi ha la stessa dimensione dell’intestazione in tutto il giornale? Anche tu puoi leggere il giornale, i motori di ricerca non possono capire la parte importante della pagina con una dimensione dell’intestazione simile. L’HTML offre intestazioni da H1 a H6 per aiutare a strutturare e dare priorità ai tuoi contenuti sia per gli utenti che per i bot dei motori di ricerca. Googlebot può capire chiaramente che la parte con l’intestazione H1 è più importante nella pagina rispetto alla parte con l’intestazione H3.

Utilizza categorie e tag per raggruppare articoli simili sul tuo sito in modo che i lettori possano accedere rapidamente a quella sezione. Il modo più semplice per migliorare la struttura di navigazione consiste nell’utilizzare collegamenti interni appropriati, menu di intestazione/piè di pagina e breadcrumb. Google mostra i breadcrumb nei risultati di ricerca invece dell’URL della pagina, aiutando così gli utenti a comprendere la categorizzazione dell’articolo.

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

Esempi di pangrattato

7 backlink naturali

Ottenere un collegamento in entrata rapido e innaturale è un altro errore commesso dalla maggior parte dei nuovi proprietari di siti. Ottenere backlink di qualità da altri siti richiede un tempo considerevolmente più lungo, qualunque sia la qualità dei tuoi contenuti. Ti consigliamo vivamente di concentrarti sulla creazione dei tuoi contenuti per almeno un anno prima di lavorare sui backlink. Sebbene Google non preferisca la creazione di backlink artificiali, è necessario iniziare una volta che si dispone di un contenuto solido.

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

Modi semplici per la creazione di backlink

Invece di inviare spam ad altri siti con i tuoi link, ci sono modi semplici e accettabili per creare backlink al tuo sito. Dai un’occhiata all’articolo su 5 modi comprovati per creare backlink di qualità al tuo sito.

8 Sito Mobile

Al giorno d’oggi tutto accade su smartphone, quindi non hai altra scelta che assicurarti che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili. Utilizza il nuovo strumento ottimizzato per dispositivi mobili di Google per controllare lo stato del tuo sito. Puoi anche visualizzare tutti i problemi relativi ai dispositivi mobili nell’account Google Search Console.

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

Strumento di test ottimizzato per dispositivi mobili di Google

Utilizza layout reattivi o utilizza un sito/app mobile dedicato per fornire contenuti ottimizzati per dispositivi mobili al tuo pubblico. Google considera l’ottimizzazione per i dispositivi mobili dei siti durante il calcolo del ranking di ricerca sui dispositivi mobili. Ma non è poi così lontano che le versioni desktop possano persino scomparire di fronte all’enorme crescita dei dispositivi mobili.

9 Mappa del sito

Il primo passo dopo aver pubblicato il tuo sito online è preparare e inviare la Sitemap XML a Google e ad altri motori di ricerca. Sitemap aiuterà Google a eseguire la scansione delle tue pagine in base all’elenco di URL inviato. Se non invii la Sitemap, Google potrebbe impiegare molto tempo per eseguire la scansione del tuo sito.

10 consigli SEO comprovati per posizionarsi in alto su Google

Sitemap XML per la navigazione nei motori di ricerca

10 Monitoraggio dell’ottimizzazione

Il monitoraggio dell’ottimizzazione ti aiuterà a intraprendere le azioni correttive e necessarie, migliorando così l’amichevolezza dei motori di ricerca del tuo sito. Di seguito sono riportate alcune delle azioni che puoi intraprendere utilizzando Google Search Console:

  • Tieni traccia dei link interni ed esterni, se trovi link in entrata di bassa qualità, usa lo strumento di rinnegamento dei link per informare Google che quei link non devono essere considerati per il ranking di ricerca.
  • Monitora gli errori di scansione e imposta i reindirizzamenti 301 necessari.
  • Controllare il titolo duplicato e la meta descrizione e intraprendere l’azione correttiva.
  • Integra Google Analytics con Search Console e ottieni sorgenti di traffico dettagliate per il tuo sito.

Google offre anche uno strumento di test PageSpeed per controllare il tempo di caricamento della pagina del tuo sito. Utilizza questo strumento e intraprendi azioni correttive per migliorare la velocità del tuo sito e gli utenti e i motori di ricerca danno la preferenza ai siti a caricamento rapido.

Conclusione

L’ottimizzazione per i motori di ricerca è un’attività continua e a lungo termine per i proprietari di siti. Non è sicuramente un tipo di lavoro da fare e dimenticare. I 10 suggerimenti di cui sopra sono semplici linee guida per mantenere il tuo sito in cima ai risultati di ricerca di Google, ma ci vorrà più tempo e impegno per ottenere i risultati desiderati. I proprietari di siti dovrebbero evitare di utilizzare tecniche SEO black hat e seguire i suggerimenti di cui sopra per ottenere risultati migliori.

Fonte di registrazione: www.webnots.com
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More