TechBlogSD - Tutto per WordPress e sviluppo WEB
Istruzioni WEB e WordPress, notizie, recensioni di temi e plugin

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

21

Lo strumento Google PageSpeed ​​Insights è uno dei modi per misurare la velocità del tuo sito WordPress. Generalmente il punteggio di velocità di Google è diverso da altri popolari strumenti di misurazione della velocità come Pingdom o Gtmetrix. Ma si consiglia di tenere traccia del punteggio di Google in quanto potrebbe influire direttamente sul posizionamento nei risultati di ricerca.

Quando controlli il tuo sito su Google PageSpeed, vedrai alcuni problemi frequenti come ottimizzare le immagini, sfruttare la memorizzazione nella cache del browser, abilitare la compressione, ecc. Nei nostri articoli precedenti abbiamo spiegato come risolvere i problemi di abilitazione della compressione e ottimizzazione delle immagini. In questo articolo discuteremo come risolvere il problema della memorizzazione nella cache del browser in WordPress.

Che cos’è Sfrutta la cache del browser?

Spieghiamo con un esempio. Apri un browser web come Google Chrome e cancella la cronologia di navigazione. Ora apri qualsiasi sito Web e vedrai che la pagina si sta caricando lentamente. Quando navighi tra diverse pagine dello stesso sito, noterai che le pagine si stanno caricando più velocemente della prima volta. Ecco cosa accadrà sul browser:

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

  • Il browser recupererà tutte le risorse statiche come immagini, stili, script, ecc. dal server web durante il primo caricamento del sito.
  • Quando la memorizzazione nella cache del browser è abilitata sul sito per le risorse statiche, il browser seguirà le istruzioni dal server ricevute tramite le intestazioni HTTP.
  • Il browser memorizzerà le risorse statiche sull’archiviazione locale con la data di scadenza o l’età massima ricevuta dal server.
  • Le risorse statiche vengono recuperate dalla memoria locale del browser quando viene caricata la pagina successiva.
  • Se la memorizzazione nella cache del browser non è abilitata sul sito (il tempo di scadenza non è impostato), il browser recupererà i file ogni volta che viene caricato. Ciò aumenterà il tempo di caricamento della pagina e il carico sul server.
  • Il tempo di scadenza dovrebbe essere specificato per ogni tipo di file come png, jpg, css. js, ecc.

Se non imposti il ​​tempo di scadenza per le immagini e altri file statici, lo strumento Google PageSpeed ​​Insights lo mostrerà come un problema ad alta priorità nella categoria "Dovrebbe essere risolto" o "Possibili ottimizzazioni".

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

Sfrutta il problema di memorizzazione nella cache del browser in Google PageSpeed

Puoi vedere le informazioni tra parentesi accanto agli URL delle immagini come "scadenza non specificata".

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

Esistono due semplici modi per risolvere il problema della memorizzazione nella cache del browser:

  • Senza plugin modificando il file .htaccess
  • Utilizzo del plug-in W3 Total Cache

1 Senza Plugin

Accedi al tuo client FTP e apri il file .htaccess che si trova nella directory principale del tuo sito. Fare riferimento al nostro articolo per saperne di più su come modificare il file .htaccess in WordPress. Aggiungi le seguenti direttive alla fine del file:

## EXPIRES CACHING ## <IfModule mod_expires.c> ExpiresActive On ExpiresByType image/jpg "access 1 year" ExpiresByType image/jpeg "access 1 year" ExpiresByType image/gif "access 1 year" ExpiresByType image/png "access 1 year" ExpiresByType text/css "access 1 month" ExpiresByType text/html "access 1 month" ExpiresByType application/pdf "access 1 month" ExpiresByType text/x-javascript "access 1 month" ExpiresByType application/x-shockwave-flash "access 1 month" ExpiresByType image/x-icon "access 1 year" ExpiresDefault "access 1 month" </IfModule> ## CACHE CONTROL ## <filesMatch ".(css|jpg|jpeg|png|gif|js|ico)$"> Header set Cache-Control "max-age=2592000, public" </filesMatch>

Il primo blocco è per la scadenza della cache e il secondo è per il controllo della cache. Tutte le estensioni di file generali sono incluse nella direttiva, puoi anche includerne di più se richiesto per il tuo sito.

Se non hai accesso FTP, ci sono plugin per modificare il file .htaccess direttamente dal pannello di amministrazione. Ad esempio, il plug-in Yoast SEO offre l’opzione di editor di file per modificare il file .htaccess dal pannello di amministrazione.

2 Utilizzo della cache totale W3

Fortunatamente WordPress ha plugin per risolvere ogni problema. Per risolvere il problema della memorizzazione nella cache di navigazione per il tuo sito WordPress, ti consigliamo di utilizzare il plug-in W3TC. W3TC è il popolare plug-in di memorizzazione nella cache disponibile gratuitamente sul repository di plug-in di WordPress con molte opzioni aggiuntive.

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

Plugin W3 Total Cache WordPress

Installa il plugin e attivalo. Passare alla sezione "Prestazioni> Cache del browser" e abilitare tutte le opzioni relative alla memorizzazione nella cache del browser nelle sezioni Generale, CSS e JS, HTML e XML, Media e altri file.

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

Abilita la memorizzazione nella cache del browser nel plugin W3TC

Puoi lasciare la casella "Scade la durata dell’intestazione" con i valori predefiniti precompilati in secondi. Se lo desideri, modifica con i tuoi valori nelle sezioni "CSS e JS", "HTML e XML" e "Media e altri file".

  • 31536000 per 1 mese
  • 604800 per 1 settimana
  • 86400 per 1 giorno
  • 3600 per 1 ora

Per quanto abbiamo testato, 1 ora per HTML e XML e 1 mese per altri file funzionano bene per Google PageSpeed.

Il plugin W3T Totoal Cache essenzialmente aggiunge le direttive nel file .htaccess come spiegato nel primo metodo. Apri il tuo file .htaccess e vedrai che il lungo set di direttive viene aggiunto dal plugin W3TC. Tutte le direttive relative alla cache del browser sono mostrate tra la sezione "# BEGIN W3TC Browser Cache" e "# END W3TC Browser Cache".

Ricontrolla in Google PageSpeed ​​Insights

Dopo aver aggiunto manualmente il codice nel file .htaccess o attivato la memorizzazione nella cache del browser di tutti i tipi di oggetti in W3TC, prima elimina tutta la memorizzazione nella cache. Quindi torna allo strumento Google PageSpeed ​​Insights e controlla la pagina. Molto probabilmente il problema avrebbe dovuto essere risolto o spostato alla priorità più bassa in "Considera correzione" come mostrato di seguito. Il nuovo strumento PageSpeed ​​mostrerà ancora i problemi nella sezione "Possibili ottimizzazioni" con il punteggio complessivo migliorato.

Nel nostro caso di esempio, il problema persiste a causa degli annunci AdSense e dei file di caratteri.

Come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser in WordPress?

Sfrutta la priorità dei problemi di memorizzazione nella cache del browser ridotta

Cosa non puoi fare con la memorizzazione nella cache del browser

Ora che sai come risolvere il problema di memorizzazione nella cache del browser nel tuo sito WordPress. Ma nella maggior parte dei casi questo non è sufficiente perché funzionerà solo per le risorse statiche caricate dal tuo dominio. In realtà la pagina potrebbe avere molte altre risorse esterne che non possono essere memorizzate nella cache del browser. Di seguito sono riportate alcune delle risorse esterne più diffuse che possono causare problemi di memorizzazione nella cache del browser:

  • Script del codice di monitoraggio di Google Analytics
  • Script del codice degli annunci di Google AdSense (come mostrato nell’esempio sopra)
  • Alcuni file di caratteri
  • Immagini Gravatar sulla biografia e sui commenti dell’autore
  • Immagini caricate con social plugin

Se la velocità del sito è il fattore più importante per te, usa con attenzione le risorse esterne sul tuo sito. Eventualmente, puoi disattivare tutte le risorse esterne tranne quelle importanti come Google Analytics per migliorare il punteggio di velocità della pagina.

Fonte di registrazione: www.webnots.com
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More