TechBlogSD - Tutto per WordPress e sviluppo WEB
Istruzioni WEB e WordPress, notizie, recensioni di temi e plugin

Come risolvere l’errore HTTP di richiesta non autorizzata 401?

18

L’intero web funziona in base al protocollo di comunicazione tra il browser e il server web. Potresti vedere diversi tipi di codici di errore HTTP sul browser quando qualcosa va storto. L’ errore HTTP 4xx o il codice di stato indica che il browser ha inviato dettagli errati al server. I server Web restituiranno il codice 401 quando non possono elaborare la richiesta a causa di un’autenticazione errata.

Correlati: correzione dell’errore HTTP 400 richiesta errata.

Questo problema è più comune sui siti Web che offrono accesso per l’iscrizione e contenuti speciali su abbonamento. Sebbene la maggior parte dei casi sia dovuta a un accesso errato, in determinate occasioni, l’errore di richiesta non autorizzata 401 può verificarsi anche se si dispone di credenziali valide per l’accesso. In questo caso, il server web potrebbe non aver ricevuto i tuoi dati di accesso a causa di un problema sul lato browser e restituire l’errore 401.

Se visualizzi l’errore 401, segui questi passaggi per risolvere l’errore. La maggior parte delle soluzioni sono abbastanza facili da risolvere. Abbiamo anche raggruppato separatamente le possibili correzioni per gli utenti normali e i proprietari di siti web. Puoi provare il caso applicabile per te.

Per utenti normali

1 Controlla l’URL

È la causa più comune per l’errore di richiesta non autorizzata 401. Potrebbe succedere quando inserisci l’URL manualmente. In altri casi, puoi fare clic su un URL obsoleto inserito tra i preferiti nel tuo browser. L’errore può apparire se la pagina non esiste più. Quindi, controlla l’URL e assicurati che non ci siano errori di ortografia e che la pagina web sia ancora disponibile.

Correlati: correzione della pagina 404 non trovata errore HTTP.

2 Svuota DNS

In alcuni casi, gli errori DNS potrebbero anche causare l’errore di richiesta non autorizzata 401. Puoi correggere l’errore scaricando il DNS.

Segui le istruzioni su Windows:

  • Assicurati di eseguire il computer come amministratore.
  • Digita CMD nel campo di ricerca e premi invio per aprire il prompt dei comandi.
  • Nell’interfaccia dei comandi, digita ipconfig /flushdns e premi invio.

Se usi macOS, lo svuotamento del DNS è leggermente diverso.

  • Premi "Comando + barra spaziatrice" per aprire la ricerca Spotlight.
  • Digita "terminale" e apri l’app Terminale.
  • Nell’interfaccia della riga di comando digita sudo killall -HUP mDNSResponder

3 Cancella i cookie del browser

I cookie sono frammenti di informazioni che vengono utilizzati dai siti Web per ricordare le tue informazioni personali uniche. In molti casi, i cookie memorizzano anche le informazioni di autenticazione dell’utente e ricordano al server web il livello di autorizzazione che può essere concesso all’utente. Sfortunatamente, questo non funziona sempre senza problemi e potrebbe verificarsi un’autenticazione del server impropria. L’errore 401 può verificarsi se il server Web non è in grado di riconoscere il token di sessione inviato dal browser Web. Quando il server ritiene che il tuo token non sia valido, potresti ricevere l’errore di richiesta non autorizzata 401.

È molto più semplice cancellare completamente tutti i cookie o solo per siti Web specifici. Quando cancelli i cookie, ti farà reinserire le informazioni di accesso per e-mail, social media e altri siti Web che richiedono l’accesso. Una volta cancellata la cache, prova ad accedere al sito Web e controlla se puoi ottenere l’accesso completo questa volta senza alcun problema.

4 Controlla i tuoi permessi di accesso

L’errore 401 può verificarsi a causa di un accesso o un’autorizzazione impropri. Ad esempio, un collegamento può essere riservato solo ai membri e si otterrà l’errore 401 Richiesta non autorizzata quando si fa clic su di esso. In questo caso, potrebbe essere necessario contattare il proprietario del sito per ottenere l’accesso corretto.

In altri casi, potresti inserire credenziali non valide per accedere al sito web. Se sai che le credenziali sono corrette, cancella i cookie e scarica il DNS come spiegato nelle sezioni precedenti. Ora riprova ad accedere al sito.

Se hai davvero dimenticato la password, trova un link per reimpostare la password sul sito. In genere, il sito Web ti chiederà l’indirizzo email che hai utilizzato per creare l’account in passato. In alcuni casi, viene erroneamente abilitato un requisito di autenticazione errato e il sito Web diventa inaccessibile agli utenti che hanno effettuato l’accesso. Questo problema può essere risolto solo dall’amministratore del sito Web.

5 Esci e accedi di nuovo

La maggior parte dei siti Web necessita di periodi di inattività regolari per motivi di manutenzione. Ci sono anche possibilità che il proprietario del sito web stia apportando alcune modifiche al back-end causando problemi temporanei. Quando riscontri problemi con il tuo stato di accesso, disconnettiti e accedi di nuovo. In molti casi, il sito Web potrebbe funzionare di nuovo correttamente.

Per i proprietari di siti web

6 Rollback alla versione CMS precedente

La maggior parte dei sistemi di gestione dei contenuti riceve aggiornamenti abbastanza regolari. A volte, un aggiornamento minore introduce accidentalmente nuovi bug, inclusa la comparsa inspiegabile dell’errore 401 di richiesta non autorizzata. Se i tuoi utenti segnalano questo problema dopo un recente aggiornamento del CMS, dovresti considerare di tornare alla versione precedente.

Sfortunatamente, alcuni CMS non ti consentono di eseguire il rollback. In tal caso potrebbe essere necessario ottenere un supporto formale dal fornitore di servizi.

7 Disinstalla le tue modifiche

Alcuni sistemi di gestione dei contenuti come WordPress offrono plugin, temi, moduli, widget ed estensioni. È molto versatile poter utilizzare queste funzionalità per aggiungere nuove funzionalità e modificare l’aspetto visivo. Sfortunatamente, alcuni plugin, temi, moduli, widget ed estensioni sono mal gestiti. Alcune estensioni potrebbero anche comportare l’esecuzione di più modifiche del necessario.

Quando vedi l’errore 401 dopo un aggiornamento, la prima cosa che puoi fare è eliminare l’ultimo plugin aggiornato e controllare il risultato. Vale la pena notare che il problema potrebbe non essere risolto immediatamente dopo la rimozione o il downgrade del plug-in. Ciò potrebbe accadere se il plug-in ha modificato i dati nel database di backend o nei file PHP. Quindi, dopo aver rimosso il plug-in, qualsiasi modifica al database o ai file PHP potrebbe non essere ripristinata. In tal caso, potrebbe essere necessario ripristinare il contenuto alla versione precedentemente funzionante dal backup.

Conclusione

In molti casi, l’errore di richiesta non autorizzata 401 si verifica quando si tenta di accedere con credenziali errate. Alcuni siti Web come i siti bancari potrebbero bloccare il tuo account se provi più volte con una password errata. Quindi assicurati di aver corretto i dettagli di accesso, altrimenti rivolgiti al supporto del sito Web per risolvere il tuo caso. D’altra parte, se sei il proprietario del sito web, prova a ripristinare le tue attività precedenti per ripristinare l’accesso al sito.

Fonte di registrazione: www.webnots.com
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More