TechBlogSD - Tutto per WordPress e sviluppo WEB
Istruzioni WEB e WordPress, notizie, recensioni di temi e plugin

Come risolvere l’errore HTTP proibito 403?

8

Il tentativo di accedere alla pagina Web senza l’adeguata autorizzazione è il motivo principale per ottenere l’errore 403 Proibito sul browser. Tuttavia, in determinate situazioni, anche con l’autorizzazione appropriata per accedere al contenuto, il browser Web potrebbe non inviare le credenziali corrette al server Web. In questo caso, il server invierà il codice di stato HTTP 403 accesso vietato nella risposta. Il codice di stato 403 sulla risposta indica che il server Web ha negato l’accesso al contenuto. A seconda del caso, può essere abbastanza facile o difficile diagnosticare e risolvere l’errore 403 Proibito.

Scopri come correggere 400 richieste non valide, 401 richieste non autorizzate, err_connection_reset, err_internet_disconnected, err_network_changed, err_connection_refused, DNS_probe_finished_nxdomain e err_connection_closed errori in Google Chrome.

Browser diversi possono interpretare il codice di stato 403 dal server in modo diverso. In generale, vedrai un messaggio chiaro che indica che ti è stato impedito di accedere al contenuto.

Inoltre, la soluzione per correggere l’errore può variare a seconda che tu sia un utente normale o il proprietario di un sito web. In entrambe le situazioni, ecco i passaggi che puoi provare a risolvere l’errore HTTP proibito 403.

Per utenti normali

Come utente, vedrai il messaggio di errore 403 sul browser. Puoi provare a risolvere il problema solo a livello di browser o computer.

1 Controlla l’URL

La maggior parte di noi accede alle pagine Web dai segnalibri, dalla Ricerca Google o da qualsiasi altra risorsa offline come i documenti PDF. Ciò può comportare l’accesso all’URL errato mentre il proprietario del sito Web potrebbe aver eliminato la pagina originale o modificato l’URL senza un reindirizzamento appropriato .

Potrebbero esserci anche errori di ortografia quando si tenta di digitare l’URL nella barra degli indirizzi. Quindi, ricontrolla l’URL e assicurati che non ci siano errori. Questa è spesso una buona procedura per risolvere gli errori 4xx. Ad esempio, l’URL potrebbe essere incompleto, facendo sì che il tuo browser web esegua la navigazione nella directory del sito web. Nella maggior parte dei casi, i siti Web non consentono la navigazione nella directory per impostazione predefinita e nel browser verrà visualizzato l’errore 403 vietato.

Come risolvere l'errore HTTP proibito 403?

403 Accesso vietato con la navigazione nella directory

Se sei il proprietario del sito web, passa alla soluzione 8 per correggere la navigazione nella directory.

2 Controlla l’autorizzazione per le azioni desiderate

Non è necessario che dopo aver effettuato il login al sito sia possibile accedere a tutti i contenuti. La maggior parte dei siti Web offre un abbonamento gratuito per l’accesso limitato e necessita ancora di un account premium per accedere ai contenuti a pagamento. In tal caso, il tentativo di accedere al contenuto premium potrebbe causare l’errore 403 vietato. Assicurati di avere l’autorizzazione adeguata per accedere alla risorsa sul sito web.

3 Cancella cookie

I proprietari di siti Web distribuiscono cookie con il contenuto per tenere traccia delle attività dell’utente. I cookie sono piccole informazioni che memorizzano il tipo specifico di dati. Ad esempio, i cookie memorizzano dettagli come ID di sessione, credenziali di accesso, monitoraggio dei clic, monitoraggio dei link di affiliazione e monitoraggio delle visualizzazioni di pagina. Ricordano ai server web le tue preferenze e lo stato più recente dei tuoi dispositivi. I cookie sono essenziali per alcuni siti Web, poiché memorizzano il tuo stato di autenticazione per informare il server Web sul tuo livello di autorizzazione. I cookie non validi o corrotti possono causare problemi di autenticazione e verrebbe generato il 403 Forbidden Error. Puoi seguire la procedura nel nostro articolo separato per eliminare i cookie in Google Chrome. Il processo rimane lo stesso per la maggior parte degli altri browser come Firefox ed Edge. Su Safari, puoi eliminare i cookie dal menu "Cronologia > Cancella cronologia…".

4 Cancella cache

La cache è un accumulo di dati, per lo più copie del contenuto delle pagine Web che visiti regolarmente. Ad esempio, se apri Facebook ogni giorno, il browser memorizza le immagini, i fogli di stile e altri dati statici di Facebook. Quindi, la prossima volta che apri Facebook, il tuo browser caricherà solo dati dinamici, con prestazioni più veloci.

Tuttavia, eventuali modifiche recenti al sito Web causeranno conflitti con i dati memorizzati nella cache del browser. La cache danneggiata e obsoleta del browser può anche causare l’errore 403 vietato. La cancellazione della cache è simile alla cancellazione dei cookie. Quando cancelli i cookie, seleziona l’opzione per eliminare tutta la cronologia di navigazione e i contenuti memorizzati nella cache. Dopodiché prova ad accedere alla pagina e controlla se puoi accedere alla pagina.

5 Logout e login

Alcuni utenti accedono al sito e non si disconnettono mai per molti giorni senza spegnere il computer. Sulla maggior parte dei siti Web, l’accesso sarà valido per un determinato periodo di tempo. Questo rende la tua sessione non valida e il server web non può riconoscere il tuo ID di sessione. In tale situazione vedrai l’errore 403 proibito quando tenti di accedere al contenuto.

Se non ti sei disconnesso per molti giorni, la soluzione più semplice è disconnettersi e accedere nuovamente. Questo potrebbe aiutare a risolvere il problema.

6 Blocco della posizione

I proprietari di siti Web possono impedire intenzionalmente agli indirizzi IP di paesi specifici di accedere ai loro contenuti. Questo è molto comune per bloccare il traffico da paesi come Cina e Russia per motivi di sicurezza. In questa situazione, vedrai un messaggio come di seguito sul browser che indica che il server web blocca la tua posizione geografica.

Come risolvere l'errore HTTP proibito 403?

403 – Accesso vietato errore

Puoi contattare il webmaster del sito o utilizzare VPN per modificare il tuo indirizzo IP e accedere al sito.

Se non riesci a risolvere il problema con nessuno dei metodi sopra elencati, contatta il proprietario del sito Web per ottenere supporto sul problema.

Per i proprietari di siti web

In qualità di proprietario di un sito Web, potresti riscontrare o i tuoi utenti potrebbero segnalarti un errore 403 in diversi scenari. Prova le seguenti soluzioni per correggere l’errore.

8 Abilita navigazione directory

Come spiegato sopra, il server potrebbe generare un errore 403 quando gli utenti tentano di accedere all’URL parziale. Per esempio,

URL completo: site.com/news/news1.html

URL parziale: site.com/news/

Quando l’URL è incompleto, il tuo browser mostrerà invece il contenuto della directory. In qualità di proprietario del sito Web, spetta alla tua decisione consentire o negare l’accesso alla directory "notizie" sul server. Anche se non c’è niente di sbagliato nell’abilitare l’esplorazione della directory, si consiglia di disabilitarla per motivi di sicurezza.

Se vuoi ancora abilitare la navigazione nelle directory, aggiungi semplicemente le Opzioni –indici nel tuo file .htaccess. In alternativa puoi disabilitare la navigazione nella directory da cPanel o ottenere il supporto dalla tua società di web hosting.

9 Disabilita il file .htaccess

Il file.htaccess è il file di configurazione che si trova nella radice del sito web. Se c’è una configurazione errata nel file .htaccess, molto probabilmente otterrai l’errore 403 vietato. Un buon modo per determinare se il file .htaccess sta causando il problema è disabilitarlo. Un modo semplice è rinominare il file .htaccess con altri nomi, come .htaccess.bak o .htaccess.001. Segui questi passaggi per accedere al file .htaccess:

  • Apri il tuo account di hosting cPanel e vai a File Manager o un’opzione simile.
  • Trova il file .htaccess nella directory principale del tuo sito web.
  • Fare clic con il tasto destro e rinominarlo.

Verifica di poter accedere alla pagina web. Se l’errore 403 non viene più visualizzato, controlla il tuo file .htaccess per trovare eventuali frammenti di codice che potrebbero causare l’errore.

10 Controlla il permesso del file

L’accesso alle pagine Web e alle directory dal server richiede l’autorizzazione file appropriata. In caso contrario, verrà visualizzato l’errore 403 vietato quando si tenta di accedere alla pagina con un’impostazione dei permessi di file inappropriata nel server web. È anche possibile che tu abbia accidentalmente modificato l’autorizzazione causando problemi nell’accesso pubblico ad alcune pagine Web. Se gli utenti segnalano che alcune delle tue pagine Web causano l’errore 403 vietato, controlla la loro autorizzazione e assicurati che gli utenti ottengano l’autorizzazione di "lettura".

11 Controlla le configurazioni del server

I server Web moderni possono essere piuttosto complessi ed è possibile personalizzare il comportamento del server. Ad esempio, i server Web potrebbero essere configurati per rifiutare qualsiasi richiesta di directory o file specifici. Questo genererà l’errore 403 vietato quando si tenta di accedere alla directory dal browser.

Spieghiamo questo caso con il popolare sistema di gestione dei contenuti WordPress. Puoi installare molti plugin per migliorare le funzionalità di WordPress. Tuttavia, i plug-in relativi alla sicurezza e all’appartenenza possono modificare l’autorizzazione del file di determinate directory per impedire l’accesso pubblico. Devi esserne consapevole e lavorare di conseguenza.

12 Verifica connessione server

L’indisponibilità temporanea del server può causare problemi di connettività e causare l’errore 403 vietato. Ad esempio, potresti svolgere alcune attività di manutenzione sul server. Inoltre, molte applicazioni o siti Web non risiedono su un server fisico; potrebbero essere stati distribuiti in una rete basata su cloud. Di fronte all’errore 403, gli amministratori possono verificare se è associato ai dati archiviati da un server specifico e risolvere il problema.

13 Collegamento diretto di immagini

L’hotlinking delle immagini è un processo per impedire ad altri di collegare direttamente le tue immagini sul loro sito. Questo aiuta a risparmiare larghezza di banda e costi di hosting. Se hai abilitato l’hotlinking, le immagini potrebbero smettere di caricarsi su domini non autorizzati e mostrare l’errore 403. Puoi andare su cPanel e aggiungere domini aggiuntivi o disabilitare l’hotlinking per mostrare le immagini.

Come risolvere l'errore HTTP proibito 403?

403 – Errore proibito per l’hotlinking delle immagini

Conclusione

403 errore proibito può verificarsi a causa di molteplici motivi. In casi semplici, puoi correggere l’errore controllando l’URL e cancellando la cache e i cookie. Tuttavia, questo potrebbe essere un compito complesso per i proprietari di siti web. Puoi provare le soluzioni elencate per i proprietari di siti Web per risolvere il problema.

Fonte di registrazione: www.webnots.com
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More