TechBlogSD - Tutto per WordPress e sviluppo WEB
Istruzioni WEB e WordPress, notizie, recensioni di temi e plugin

Le 3 cose principali che dovresti fare in Google Search Console

12

Google Search Console è una raccolta di strumenti gratuiti del gigante dei motori di ricerca Google. Aiuta i proprietari di siti Web a inviare e monitorare le prestazioni dei loro siti Web. Sebbene ci siano molte funzioni utili disponibili in Search Console, ci sono tre cose importanti che dovresti tenere traccia nel tuo account. Google mostrerà anche queste tre principali funzionalità nella dashboard quando accedi al tuo account per aiutarti ad accedervi immediatamente. In questo articolo, spiegheremo le 3 cose principali che dovresti fare in Google Search Console dopo la configurazione iniziale.



Nuova interfaccia di Search Console

Google ha rinominato gli Strumenti per i Webmaster come Search Console e ha cambiato molte cose nella nuova interfaccia. Tuttavia, puoi comunque accedere agli strumenti utilizzando il link Strumenti per i webmaster o andando direttamente a Search Console. In questo articolo, abbiamo utilizzato la vecchia interfaccia di Strumenti per i Webmaster. Aggiorneremo gli screenshot una volta che la nuova Search Console sarà completamente funzionante.

1 Monitorare e correggere gli errori di scansione

La sezione di copertura mostra tutti gli errori riscontrati da googlebot durante il periodo in cui ha visitato il tuo sito. Questa sezione ha due sottosezioni: Errori del sito ed Errori URL.

  • Errori del sito mostra tutti gli errori riscontrati durante l’accesso al server, al server DNS e al file robots.txt. Questa è un’indicazione che il sito totale è raggiungibile o se c’è un problema nell’hosting o nei server DNS. Controlla ogni sezione e intraprendi azioni correttive, se necessario puoi discutere i problemi del server con la tua società di hosting per richiedere maggiore assistenza. In generale, una volta impostato il tuo account, queste sezioni saranno sempre in verde a meno che non ci sia un cambiamento nel file server o robots.txt.

Le 3 cose principali che dovresti fare in Google Search Console

Dashboard di Google Webmaster Tools

  • Errori URL: i singoli errori a livello di pagina sono elencati in questa sezione con il codice di risposta HTTP dal server. Ci sono molte sottosezioni che indicano diversi tipi di errore come non trovato, accesso negato ed errori del server per desktop, smartphone e telefono in primo piano. Puoi rimuovere gli errori selezionando gli URL e facendo clic sul pulsante "Contrassegna come corretto" dopo aver eseguito le azioni correttive. Utilizza la funzione " Visualizza come Google " per verificare come googlebot vede un URL di errore e risolve i problemi di conseguenza.

Le 3 cose principali che dovresti fare in Google Search Console

Visualizza e correggi gli errori di scansione in Strumenti per i Webmaster di Google

Puoi anche accedere alla sezione degli errori di scansione dal menu "Scansione > Errori di scansione".

2 Tieni traccia delle query di ricerca per migliorare il ranking di ricerca

Google ha sostituito l’opzione "Query di ricerca" con l’opzione "Analisi di ricerca" avanzata come funzione beta per eseguire tutti i tipi di analisi.

La sezione Query di ricerca è la funzione molto utile che mostra le query di ricerca principali e le impressioni e i clic generati dalle pagine per il periodo di tempo selezionato. Qui puoi trovare le query e le pagine insieme al CTR e alla posizione media nei risultati di ricerca. Ecco come puoi utilizzare questa funzione in modo più efficace:

  • Supponiamo che la tua parola chiave target sia "webmaster" e desideri che Google elenchi il tuo sito nella posizione numero uno per questa query.
  • Controlla la sezione "Indice Google > Parole chiave dei contenuti" per vedere quali sono le parole chiave importanti nel tuo sito e assicurati di utilizzare la tua parola chiave "webmaster" in tutto il tuo sito.
  • Ora controlla le query di ricerca per capire che i visitatori arrivano sul tuo sito per quali query e su quali pagine. Ad esempio, la tua query principale potrebbe essere "tutorial webmaster" e la pagina principale potrebbe essere "/webmaster-resources.html/".
  • Lavora sodo per assicurarti che la tua parola chiave target "webmaster" venga utilizzata su tutte le tue pagine e che i visitatori arrivino al tuo sito principalmente per la query contenente la parola chiave target come "tutorial webmaster". Questo ti aiuterà a creare un sito mirato intorno alla parola chiave target.
  • A Google piacciono i siti mirati e li elenca in cima all’elenco di ricerca prima di qualsiasi altra pagina. Nel corso del tempo vedrai che il CTR e la posizione di ricerca media sono notevolmente migliorati.

Le 3 cose principali che dovresti fare in Google Search Console

Analisi delle query di ricerca in Strumenti per i Webmaster di Google

Puoi anche accedere alla sezione delle query di ricerca dal menu "Cerca traffico > Cerca query".


Articoli Correlati:


3 Monitorare gli errori della Sitemap e gli URL indicizzati

L’invio della Sitemap aiuta googlebot a comprendere la struttura del tuo sito e a scansionare facilmente gli URL in base alle informazioni della Sitemap. Qui puoi vedere il numero di articoli inviati e quanti numeri Google ha incluso nell’indice di ricerca. Gli elementi includono singoli post, pagine, pagine personalizzate, tag, categorie e immagini.

Le 3 cose principali che dovresti fare in Google Search Console

Controlla i problemi della mappa del sito in Strumenti per i Webmaster di Google

Ecco alcuni suggerimenti per utilizzare efficacemente questa sezione Sitemap:

  • Controlla la colonna "Problemi" per visualizzare errori e avvisi sulla Sitemap inviata. Gli avvisi sono generalmente per gli URL bloccati da robots.txt che potresti aver fatto intenzionalmente e che possono essere ignorati. Ma gli errori dovrebbero essere immediatamente corretti, il che potrebbe indicare che la Sitemap stessa non è accessibile.
  • Assicurati che la tua Sitemap venga elaborata giornalmente e correttamente da googlebot e che mostri la data appropriata nella colonna "Elaborato".
  • Se il numero di URL indicizzati è molto basso, prova a controllare i nuovi URL in Ricerca Google per assicurarti che i nuovi URL non siano indicizzati o che i vecchi URL non siano indicizzati. Se si tratta di nuovi URL, puoi utilizzare l’opzione "Visualizza come Google" per inviare il contenuto e se si tratta di vecchi URL, Google potrebbe eliminarli a causa di contenuti duplicati o meno importanti.
  • Dopo aver corretto eventuali problemi, seleziona il pulsante "Test Sitemap" per verificare che la scansione sia andata a buon fine e, se necessario, invia nuovamente la Sitemap.

Puoi anche accedere alla sezione delle query di ricerca dal menu "Scansione > Mappa del sito".

Fonte di registrazione: www.webnots.com
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More